Alle pendici del Resegone – Piccolo trekking per piccoli bimbi

Resegone, Lecco

 

La nostra Pasqua prevedeva un viaggetto a Bordeaux che purtroppo è saltato ma, senza perderci d’animo – solo un po’ dai – abbiamo fatto di necessità virtù e abbiamo assecondato la nostra voglia di verde e aria pulita con una gita in giornata nella zona di Lecco, alle pendici del famoso Monte Resegone.

Vista la nostra forma fisica che definirei in maniera ottimistica “da rivedere” e la nostra piccola belva di sei mesi che ogni giorno cambia idee e reazioni, abbiamo scelto una meta ad un’oretta di macchina da Milano che ci desse la possibilità di goderci la montagna senza collassare su sentieri impervi.

Vi anticipo che sono troppo felice di questa escursione perché ho rinnovato lo zaino-marsupio-seggiolone che la Dani mi ha regalato per il mio compleanno. Strumento in stile McGyver per affrontare ogni situazione outdoor con una piccola da scarrozzare. Vedere foto, please!

Resegone, Lombardia

 

Torniamo a noi.

Questo è un articolo pensato per chi ha figli piccoli e vuole farsi una bella passeggiata nella natura, ma tenete conto che noi abbiamo fatto il primo pezzo di un sentiero molto più lungo, affascinante e divertente quindi, se anche siete esperti e appassionati di montagna, mi sento di consigliarvi questa zona delle Prealpi Orobiche e in particolare la salita al Monte Resegone.

Passiamo alle info pratiche.

Dal piazzale della funivia per i Piani d’Erna al Rifugio Stoppani

Durata: 1 ora circa
Dislivello: 290 metri
Altitudine massima: 890 metri (nel primo anno di età i bambini non dovrebbero superare i 1.500 metri s.l.m.)
Difficoltà: Elementare

Nota tecnica – Il concetto di difficoltà non è legato a quello di fatica, ma a quello di sentiero impervio, presenza di ferrate, sassi da scalvare arrampicandosi etc. Quindi con un bimbo è preferibile scegliere sempre sentieri elementari o facili tanto poi alla fine vi sembreranno comunque faticosissimi!

Resegone, Lecco

 

Dirigetevi verso Lecco e arrivate alla Località Versasio seguendo i cartelli con l’indicazione Piani d’Erna. Parcheggiate comodamente e gratuitamente (nei giorni festivi) nell’ampio piazzale della funivia che, volendo, porta direttamente ai Piani da cui si diramano altri sentieri.

Seguite i cartelli gialli e il sentiero N°1 che vi porterà senza possibilità di errore fino al rifugio.

Dopo un pezzo iniziale su strada asfaltata, si imbocca un comodo sentiero che si inerpica gradualmente in mezzo al bosco e prosegue senza particolari difficoltà. Continuando su questa mulattiera acciottolata si emerge dall’ombra degli alberi e si arriva alla località Costa posta a 770 metri s.l.m.

Resegone, Lecco

 

Qui lo sguardo viene rapito dalle pittoresche casette in pietra, ma soprattutto dalle imponenti cime spruzzate di neve e da ampi prati verdeggianti. Una sensazione di benessere che solo i colori e il sapore dell’aria di montagna sanno darti.

A questo punto, un po’ stanchi e in orario pappa, abbiamo deciso di goderci qualche raggio di sole primaverile e di fare mangiare la piccola. Un’oretta scarsa di battaglia all’ultimo “AAAAAhmmmmm” e abbiamo ripreso la nostra salita.

Lecco, Resegone

 

Da qui, altri 10 minuti abbondanti risalendo un sentiero più stretto e ripido e si arriva ad una piccola radura dominata dal rifugio Stoppani. Un’ultima rampa di scale, qualche escursionista che mangia sui tavoli del cortile e il panorama che vi attende.

Dietro di voi le cime innevate e il cielo blu, davanti un po’ di foschia e il lago in lontananza.

A questo punto, anche se non avete prenotato, vi siete meritati un piatto di polenta e salsiccia e una bella innaffiata di rosso!

Lecco, Lombardia

 

La discesa è semplice, senza particolari sorprese o complicazioni e con un passo appesantito dal vino e dalla stanchezza vi porterà via un’altra oretta.

Info pratiche

Questo semplice itinerario è frequentato da tante famiglie con bimbi anche molto piccoli. Tutti, noi compresi, avevano lo zaino/marsupio da trekking che consiglio caldamente sia per la leggerezza che per la comodità. Oltre alla funzione primaria di trasporto diventa anche sedia e seggiolone. Solitamente è consigliato per bimbi dai 6 mesi in su.

Sarà banale, ma viaggiate leggeri. Con un genitore che porta in spalla il piccolo, l’altro dovrà portare tutto il resto. Vestiti, maglie di ricambio, acqua, pappe etc..

Capitolo Pappa. Noi abbiamo comprato un termos componibile che mantiene la temperatura per 5 ore e che funge anche da piatto. Un contenitore per il brodo, uno per la crema di riso, cucchiaino e bavaglino integrale per tentare di evitare di avere una bimba ricoperta di pappa. Pensavo sarebbe stato faticoso e invece è andata abbastanza liscia.

Per il resto è tutto più semplice di quello che si possa pensare, buona passeggiata!

Lecco, Lombardia

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *