Capodanno a New York

Central Park, New York

 

Unico, mirabolante, straordinario, esagerato. Questi e molti altri sono gli aggettivi che vengono in mente quando qualcuno parla di passare Capodanno a New York. Vivere l’ultimo giorno dell’anno nella Grande Mela è considerata un’esperienza elettrizzante, una di quelle cose da fare almeno una volta nella vita. Chi pianifica questo evento lo fa con grande trepidazione e incredibili aspettative, ma poi cosa succede veramente tra le avenues e le streets di Manhattan e degli altri boroughs?
 
L’anno scorso abbiamo passato Capodanno a New York con -15 gradi, neve e vento che tagliava la faccia. Siamo partiti impreparati e senza grandi progetti per questa notte speciale e abbiamo improvvisato. A noi è andata bene, ma se volete evitare un pacco  a stelle e strisce, date una letta a questo post e fate un pensiero su che tipo di esperienza vi piacerebbe vivere.

Capodanno a Times Square

Quante volte avete visto le immagini in TV della mega palla che scende su un milione di persone che urlano “Three, two, one Happy New Year”? Io, calcolando rapidamente la mia età, quasi una trentina di volte e devo ammettere che ha sempre suscitato in me un discreto fascino, sembra emozionante essere al centro del mondo in un momento così particolare. 

Times Square si può vivere in due modi. Il primo è quello di prenotare un ristorante con vista sulla piazza. Il minimo per una cena all inclusive con panorama e festa compresa è di 500 dollari a testa nel ristorante più scarso dove di solito la cena costa 20 dollari. Bisogna prenotare mesi prima, c’è il vantaggio di un posto in prima fila, ma è un po’ come andare ad un concerto e stare in gradinata invece che ballare nel prato. 

L’opzione due, la più famosa, è quella di essere un puntino tra la folla, uno di un milione. Io lo volevo fare e così mi sono letto 100 blog per capire, non ho capito un cavolo e sono andato a fare Capodanno a Times Square. Qui sotto una lista di cose da sapere. 

Times Square, New York
 

– Le prime persone arrivano e si mettono in prima fila verso le 12 p.m, quindi 12 ore prima delle 12 a.m. 
– Man mano che le persone aumentano la polizia chiude le strade di accesso laterali quindi voi dovrete andare sempre più lontano dalla 43esima che è il fulcro dello spettacolo. 
– Per darvi un’idea noi siamo arrivati alle 15.30 e siamo riusciti, correndo, a piazzarci nella 52esima quindi 9 isolati più indietro (gli ultimi si piazzano tra la 57 e la 58!)
– Attenzione! Una volta entrati nelle transenne non potrete più uscire perché appena lo fate la polizia vi rispedisce a casa vostra quindi dovete rimanere bloccati per ore senza, tra le varie cose, un bagno.
– Alla luce di quanto sopra, portatevi delle provviste, ma mettetele in una sacchetto di plastica perché la polizia non vi fa entrare se avete uno zaino, anche piccolo.
– Il programma comincia alle 18 con concerti, spettacoli, artisti famosi etc. etc. e gli organizzatori assicurano che ci sono maxi schermi che permettono di vedere anche da lontanissimo. Peccato che 9 isolati più indietro il maxi diventa micro schermo e l’audio è come quello di un film muto.
– Il famoso Ball Drop ovvero la grande sfera che scende a mezzanotte è anch’esso ad anni luce di distanza e la sfera che svetta nel cielo di Manhattan è grande come un aeroplano che vola a 10km di altezza.
– Da casa tutto sembra fighissimo, atmosfera festante e gente felice, in realtà per ore non succede nulla, la gente è intirizzita dal freddo e non socializza, anche perché è brutto da dire, ma l’alcool è vietato e tutti sono sobri e annoiati.
Fa un freddo cane, vestitevi come se doveste visitare l’antartico a piedi e anche un po’ di più.

Times Square, New York
 

Considerato tutto questo vedete voi se vale la pena. Noi dopo due ore di noia e freddo siamo andati via, erano le 18.

Capodanno a Central Park

Non avevamo prenotato una festa in un locale cool e neanche avevamo i vestiti adatti e nemmeno ci piaceva l’idea. Non avevamo voglia di entrare in un posto a caso facendoci spennare passando un capodanno pacco e allora tra le varie cose che avevamo letto in giro abbiamo deciso di provare la festa di Central Park. E’ stata la svolta, un capodanno veramente divertente!

Questi pazzi americani ogni anno organizzano la Midnight Run, una corsa amatoriale di 4 miglia dove quasi 5mila persone partono e arrivano a Central Park sfidando il freddo e festeggiando capodanno con travestimenti, costumi improbabili o anche con abbigliamenti super professionali.

A fare da corollario a questa manifestazione, la città organizza una mega festa nel centro del parco con DJ set, intrattenimento, gadget e mille altre “pacchianerie” made in USA.

capodanno, new york

 
Anche in questo caso dovete sfidare il gelo (ma basta ballare come pazzi!) e brindare con una bottiglia d’acqua o, se siete audaci, nascondervi un prosecco scadente nella giacca e fare i vaghi. MA, e c’è un grosso MA, qui ci si diverte. La gente è scatenata, la musica è ottima e l’atmosfera è festante. Ci sono molti turisti, ma anche moltissimi locals, la gente si traveste, gli sponsor (ovviamente gli americani non fanno nulla senza uno sponsor!) regalano gadget improbabili con cui agghindarsi e alla fine ti ritrovi in mezzo a migliaia di persone che saltano, attorniati da un parco meraviglioso e con la luna che splende in un cielo nero. Raccontarlo non rende e non può descrivere l’emozione, dovete provarlo!

Capodanno, New York
 

La festa comincia alle 22.30/23 e va avanti, dopo i fuochi di mezzanotte, ancora per molto. Per non ibernarci e darci un po’ di verve, noi prima siamo capitati per caso in uno di quei posti assurdi che puoi trovare solo in America. Un diner in stile anni ’50 con birre e hamburger buonissimi dove, anche qui, non mancavano gadget trash per farsi quattro risate e sentirsi dei simpatici cretini!

Come si evince chiaramente, io consiglio di passare un fantastico Capodanno a Central Park (ah, dimenticavo il valore aggiunto…è gratis!), una festa semplice, ma unica e divertente. Ovviamente, se l’idea non vi sconfinfera, a New York come e più che in altre città del mondo ci sono tonnellate di feste, serate, eventi tra cui non è semplicissimo districarsi e scegliere e che hanno prezzi esagerati e sconosciute riuscite. 

Happy New York Year!



Un pensiero su “Capodanno a New York

  1. Ciao ho letto con attenzione la tua recensione molto ben fatta complimenti….. Mi è piaciuta la parte in cui parli con precisione delle Strade….. IO dovre al 99% essere al Rooesevelt alla 46 ma strada…. in capodanno.. chi sa in questo caso se riusciro' a vedere qualcosina…. 

Rispondi a Gianluca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *