Tanzania: la magia della natura africana

Elefanti, Safari, Tarangire
 
Tanzania significa natura: prorompente, primordiale, maestosa. Dal leggendario Kilimanjaro alla savana, passando per foreste, crateri, praterie, arcipelaghi, barriere coralline tutti ricchi di flora e fauna incredibili. Un paese affascinante che abbiamo visitato in maniera veloce e “tutto organizzato” contraria alla nostra filosofia, ma necessario visto il poco tempo a disposizione e considerato anche l’occasione particolare…il nostro viaggio di nozze!

Itinerario

13 giorni fine Settembre/inizio Ottobre
Volo Andata: Malpensa-Istanbul-Kilimanjaro Airport con Turkish Airlines (ottima!)
Volo Ritorno: Dar es Salaam-Istanbul-Malpensa
Volo Interno: Arusha-Dar-Mafia e Mafia-Dar con Coastal Airlines

Arusha – Lake Manyara – Tarangire – Serengeti – Ngorongoro – Isola di Mafia  

Trasporti

Per visitare i parchi del circuito settentrionale ci siamo affidati ad un’agenzia e ci siamo spostati con jeep 4×4 con autista che è l’opzione utilizzata dal 99% dei turisti. Visitare questa zona in autonomia con un fuoristrada è possibile ma sconsigliabile perché è veramente complicato guidare su strade sterrate e in pessimo stato. Per i trasporti interni ci siamo mossi in aereo con piccoli voli costosi, ma molto comodi e abbastanza puntuali, mentre sull'isola di Mafia tutti gli hotel di un certo livello offrono il trasporto per escursioni e all'interno dell’isola. Esistono ovviamente trasporti pubblici locali abbastanza affidabili e frequenti, ma bisogna dotarsi di tempo e pazienza.

Alloggio

Durante il safari abbiamo scelto lodge/campi tendati piccoli, non troppo lussuosi (prezzi troppo alti e nessun bisogno di esagerare), ma immersi nella natura con vista sulla savana e animali che scorrazzavano davanti alla nostra camera. Consigliamo tutti quelli provati: belli, ottimo cibo e ottime location

 

Lake Burunge Tented Lodge – Tarangire. Il più elegante, 10 bungalow su palafitta immersi nel bush
Maramboi Tented Camp – Tarangire/Manyara. Splendida vista sul lake Manyara con animali che brucano davanti alla camera
Ikoma Bush Camp – Serengeti. Basico, immerso nella savana con vista sulle migrazioni di gnu e zebre
Kirurumu Under Canvas – Ngorongoro. All'interno di un bosco di acacie un po’ lontano dal cratere, il più rustico, ma meraviglioso
A Mafia siamo stati al Butiama Beach Resort: FANTASTICO. Sulla spiaggia più bella, solo 9 camere, ottimo cibo e la proprietaria Maura che vi coccola in ogni momento 

Clima

In teoria stagione secca (fino a Ottobre), in pratica la stagione delle piogge brevi è arrivata in anticipo quindi caldo, ma con qualche pioggia e acquazzone. Abbigliamento comodo, t-shirt di giorno e maglioncino leggero alla sera. Unica eccezione il Ngorongoro che trovandosi a 2200 m slm registra temperature molto fredde di notte. In generale, la Tanzania è vicina all’equatore quindi il tempo cambia spesso e in maniera improvvisa.  

Moneta & Costi

La moneta ufficiale è lo Scellino Tanzaniano che può essere cambiato ovunque sia per dollari che per euro. In generale conviene portare dollari che sono la moneta preferita nei circuiti turistici e nei lodge sia durante il safari che a Mafia. Bancomat e carte sono accettate solo nelle strutture di livello medio e alto.

I costi dei lodge sono esagerati (minimo 200 USD a notte a camera), si paga molto l’esclusività e l’isolamento, mentre gli extra (bevande, escursioni, souvenir) sono un po’ più bassi rispetto agli standard europei. Se invece si decide di vivere la vita locale i prezzi scendono drasticamente si mangia con 5 euro e si dorme con 10.  

Mete Interessanti

Arusha
Verdissima e rigogliosa, Arusha è una base di partenza perfetta per moltissimi itinerari ed escursioni nella Tanzania nord orientale. A parte questo non merita una visita specifica, ma se per caso vi trovate lì per un giorno o due ci sono escursioni interessanti come l’Arusha National Park, le piantagioni di caffè o i villaggi Masai.

Lake Manyara
Sicuramente il parco che ci ha entusiasmato meno. Vegetazione molto rigogliosa che rende il paesaggio bello, ma l’avvistamento di animali più difficile. Il motivo per cui ci siamo andati era per visitare un ambiente lacustre, ma il lago rimane distante dai sentieri dei safari, soprattutto nella stagione secca.
 
Safari, Lake Manyara  
Tarangire
Se siete appassionati di elefanti il Tarangire è il parco che fa per voi. Decine e decine di pachidermi la fanno da padrone in questa bellissima area protetta attraversata da un fiume che rende il paesaggio vario e affascinante.Un parco molto bello e non troppo affollato da inserire sicuramente in un itinerario di più giorni.
 
Elefanti, Tarangire, Safari  
Serengeti
Il più famoso e a ragion veduta. La vera africa dei documentari, spazi infiniti, savana a perdita d’occhio e animali in abbondanza. Riservate due giorni a questo parco immenso dove è meraviglioso anche solo guidare attraverso una natura incontaminata e selvaggia. Qui con un pizzico di fortuna vedrete tutti gli animali, anche i più difficili da avvistare. Purtroppo questo è anche il parco più affollato, ma a parte alcuni momenti di imbottigliamento davanti a qualche ghepardo per il resto si riesce a stare tranquilli e solitari.
 
Safari, Gnu, Serengeti, Tanzania  
Ngorongoro
Scenario magico all'interno di un cratere dove il tempo si è fermato e gli animali si mostrano in tutta la loro bellezza. Il parco è molto piccolo e si visita in poche ore, ma è ricco di ambienti diversi con laghi, foreste, colline e di animali. Grazie alle ridotte dimensioni e alla concentrazione di specie animali è relativamente facile avvistare non solo gli esemplari più schivi come il rinoceronte, ma anche imbattersi in scene indimenticabili come il leone che tende un’imboscata alla zebra!
 
Ngorongoro, Tanzania, Leone  

Isola di Mafia
Scelta perché ancora sconosciuta al turismo, l’isola di mafia è una meravigliosa oasi di pace e relax. Pochi resort, pochissimi turisti, belle escursioni e atmosfera semplice, tranquilla e amichevole. Mafia non si sceglie per il mare perché il 90% dell’isola è circondata da mangrovie, le maree condizionano la presenza dell’acqua che in generale è bella, ma niente a che vedere con Caraibi, Sardegna o Grecia. A Mafia si va per il relax, per staccare la spina e per qualche chicca come fare snorkeling con gli squali balena, bestioni amichevoli di 10 metri! Mi raccomando non andate a Zanzibar e scegliete Mafia fino a che rimane un paradiso nascosto.   

 

 

Mare, Isola mafia  

Organizzare il safari

Agenzia. Innanzitutto consigliamo di rivolgersi ad agenzie locali che sono affidabili e costano molto meno di quelle italiane. Vi chiederanno di pagare tutto prima, non spaventatevi è normale. Noi siamo andati con “It started in Africa” ci siamo trovati abbastanza bene e, a parte qualche piccolo inconveniente, ci sentiamo di consigliarli come agenzia nella media.

Itinerario. Gli itinerari sono praticamente uguali e vanno in base ai giorni a disposizione, più o meno tutti vi proporranno la stessa cosa e mettete in conto un bel po’ di ore di jeep e di trasferimenti perché le distanze sono ampie e le strade pessime.

Lodge.Per quanto riguarda i lodge scegliete in base al prezzo, ma soprattutto alle vostre esigenze; noi abbiamo evitato il lusso estremo e le strutture con tante camere preferendo piccoli campi tendati in mezzo alla savana,  molto più tranquilli e immersi nella meravigliosa natura africana. Altra cosa da valutare è la posizione dei lodge, è un po’ difficile perché in rete c’è poco, ma cercate di farvi dire dove sono. Non è importante che siano dentro il parco, ma che siano nel raggio di 10/15km e che non vi costringano a fare deviazioni inutili.

Extra. Tutti propongono pensione completa (pranzo al sacco) con acqua inclusa e bevande extra. Anche le escursioni come safari a piedi, notturni, etc.. sono a parte e si organizzano direttamente con i lodge giorno per giorno. Consigliamo vivamente il safari a piedi.

Abbigliamento. Vestiti e scarpe comodi dai colori tenui e poco sgargianti. Maglione per la sera e giacca per la sera al Ngorongoro. Non dimenticate occhiali da sole, crema solare, bandana per la polvere e/o il sole e antizanzare!  

Conclusioni

Non possiamo dire di aver visitato la Tanzania e di averne colto la cultura e l’essenza, questo tipo di viaggio tutto organizzato è molto comodo e rilassante, ma ti allontana dall'anima del paese. Abbiamo però visto posti fantastici e ci siamo immersi in una natura spettacolare. Consigliamo assolutamente questo itinerario e soprattutto Mafia, una perla ancora quasi intatta.   

Chole, Isola Mafia   Villaggio Masai, Tanzania
 
Serengeti, Tanzania, Safari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



2 pensieri su “Tanzania: la magia della natura africana

Rispondi a La Ste Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *