Il discreto fascino di Laos & Thailandia

Muang Sing, Laos

Racconto di viaggio di tre settimane zaino in spalla in solitaria attraverso la placida e rigogliosa natura di Laos e Thailandia, alla scoperta di un sud est asiatico dal fascino semplice e discreto per chi è alla ricerca di avventura e sorrisi.

Itinerario

Volo: Malpensa-Amsterdam-Bangkok

Trasporti

Tutto ciò che ti può trasportare. I trasporti sono molto economici, molto scomodi e molto lenti. Si salvano solo alcuni minibus per turisti che coprono le tratte principali da Luang Prabang a Vientiane con tappa a Vang Vieng. Da provare il viaggio di x ore in pick up da Huay Xai a Luang Namtha in mezzo alla giungla impantanandosi nel fango e dovendo spingere il veicolo per salire le ripide colline. Quando sono stato io stavano asfaltando alcuni tratti dei 200 km di strada, oggi sarà sicuramente tutta asfaltata e quindi molto meno divertente, ma più veloce. 

Alloggio

Guesthouse a prezzi ridicoli. Qualità molto molto bassa, a volte è difficile trovare sistemazioni di medio livello soprattutto nelle zone montane e nei paesini. Nelle località più frequentate troverete di tutto e sempre a prezzi abbordabili. Non prenotate, non serve. Attenzione: se cercate camere al mattino le troverete spesso tutte piene perché i check out sono tardi e le strutture aspettano di sapere chi si ferma e chi no. Andate verso le 12.00 e troverete molti posti! 

Cibo

Molto economico, leggermente piccante, abbastanza vario. La maggior parte dell’itinerario si snoda lungo il Mekong quindi troverete con grande facilità anche pesce oltre al solito pollo, manzo e verdure. Nelle zone di mare ovviamente il pesce la fa da padrona. 

Clima

Nel collinoso Nord le temperature sono gestibili, man mano che si scende verso sud il clima si fa rovente,  mentre l’umidità totale è un fattore comune durante tutto il viaggio. Come in tutto il sud est asiatico in questo periodo vi imbatterete in fortissimi acquazzoni della durata di 1 o 2 orette, ma sono più piacevoli che fastidiosi. 

Moneta & Costi

In Laos, i bancomat non esistono, le banche sono poche quindi portatevi contanti; gli Euro vanno bene per il cambio, ma i dollari sono più utili e ti permettono di pagare anche escursioni, alberghi etc.. La moneta locale è il Kip che vale praticamente nulla, quindi quando cambierete anche solo 100 dollari tenete a portata di mano uno zainetto perché vi riempiranno di mazzette di banconote come nei film di trafficanti di droga! In Thailandia troverete tutto e potete portare anche solo Euro. Costi…irrisori. Per tre settimane ho speso 300 euro. Si mangia con 1 dollaro, si dorme con 2 in posti basici. 

Mete Interessanti

Bangkok

Caotica e frenetica, la capitale thailandese è un’ottima base per avere un primo contatto con il sud est asiatico. Tutto è molto semplice dal prenotare un viaggio a trovare un alloggio, dal conoscere gente a visitare la città. Bangkok offre alcuni angoli carini, ma un paio di giorni bastano e avanzano. Se vi trovate lì di Domenica non perdete il Chatuchak Market, una città in vendita! 

Trekking nel villaggio Akha – Muang Sing 
A soli 10 km dalla Cina, Muang Sing è un piccolo villaggio di due strade immerso nella natura. Da qui, come anche da Luang Namtha, si possono organizzare facilmente molti trekking di diverse entità e tipologia. Io ho fatto un’escursione di 2 giorni in cima ad una collina in un villaggio Akha, molto facile dal punto di vista fisico, ma molto bella per paesaggio ed esperienza. Giungla, campi di riso, popolazioni tribali (in Laos ce ne sono quasi 50)..tutto molto spartano e molto vero. Per organizzare i trekking basta andare alla capanna del turismo il giorno prima e mettersi d’accordo. Fatelo è un’esperienza fantastica! 

Luang Prabang 
Antica capitale, patrimonio dell’Unesco, ricca di templi e adagiata sul Mekong, a Luang Prabang come in tutto il Laos si respira un’atmosfera rilassata e rilassante, tutto scorre a rilento. La città in sè è piccolina, a misura d’uomo e con qualche scorcio carino. Una tappa quasi obbligata nel tragitto, ma niente di sensazionale. Se la noia vi assale organizzate una piccola escursione a delle cascate molto carine a mezzoretta dalla città. 

Vang Vieng 
Un posto abbastanza particolare. Due vie lungo le quali sorgono solo attività turistiche, famosa per l’uso abbastanza aperto di droghe leggere e di attività outdoor, tutto intorno nulla. Vang Vieng piace molto o disgusta, io mi sono concentrato sull'aspetto di socialità con altri turisti e sulle numerose attività sportive e  mi è piaciuta. Vivamente consigliato il tubing: con una camera d’aria di un camion si scende lungo il fiume e ci si ferma ogni tanto lungo la riva a bere o mangiare qualcosa. Molto carino e poco impegnativo, per i più avventurosi si fa rafting, canyoning, etc.. 

Vientiane 
Città di confine, probabilmente la capitale più tranquilla e meno trafficata del mondo, Vientiane ha veramente pochissimo da offrire. Arrivate, prenotate il vostro prossimo spostamento e ripartite. Consiglio per passare una bella mattinata: iscrivetevi ad un corso di cucina. Vi porteranno al mercato, vi insegneranno a cucinare 3 piatti e poi li mangerete, davvero divertente! 

Ko Chang 
Selvaggia e verdeggiante isola vicino alla Cambogia Ko Chang è una delle zone marittime meno frequentate dal turismo di massa e, in particolare a Lonely Beach, troverete intere spiagge quasi solo per voi. Il mare è carino, ma non caraibico, ma sarete ricompensati da sabbia bianca, palme sul mare e tramonti da favola. L’isola offre anche la possibilità di svolgere attività naturalistiche come trekking nella foresta. 

I laotiani

A differenza dei loro vicini thailandesi grandi chiacchieroni ed espansivi, i laotiani sono un popolo molto tranquillo e pacato. Anche loro sempre sorridenti, umili e gentilissimi, ma più distaccati e meno coinvolgenti. Non è un aspetto negativo, anzi i laotiani sono fantastici, ma questo loro distacco si percepisce e si vive in molti aspetti del viaggio e deriva dal fatto che secondo la loro filosofia religiosa bisogna evitare qualsiasi tipo di fonte di stress che causerebbe tutta una serie di situazioni negative per la loro persona. Un esempio? In Laos non si contratta! 

Conclusioni

La Thailandia è stata base di partenza e relax finale, il vero viaggio è stato il Laos che nella sua infinita umiltà e discrezione sa regalare momenti magici. E’ forse il paese più tranquillo e rilassato che abbia mai visitato, povero di grandi attrazioni, ma ricco di atmosfera, emozioni e viaggi on the road indimenticabili.

Per altre info sulla Thailandia puoi dare un'occhiata al post Thailandia da nord a sud

Tempio, Pagoda, Laos

 

Jungla, Laos

 

Muang Sing, Laos

 

Ko Chang, Thailandia

 



Un pensiero su “Il discreto fascino di Laos & Thailandia

Rispondi a TuttoLaos Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *